Dott.ssa Francesca Balivo

Medico-Chirurgo, Specialista in Pediatria

Loading
http://francescabalivo.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/Slide.1gk-is-113.pnglink
http://francescabalivo.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/Slide.2gk-is-113.jpglink
http://francescabalivo.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/Slide.3gk-is-113.jpglink
http://francescabalivo.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/Slide.4gk-is-113.jpglink
http://francescabalivo.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/Slide.5gk-is-113.jpglink
http://francescabalivo.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/Slide.6gk-is-113.jpglink
Messaggi recenti del blog
11
Mar

Presunta correlazione vaccini-autismo

Inviato da il in VACCINAZIONI
Cari Genitori, tanti di voi mi scrivono preoccupati in merito alle vaccinazioni. Ribadisco ancora una volta che non esiste un fondamento scientifico tra vaccini ed autismo e che le vaccinazioni hanno consentito di debellare alcune importanti malattie (polio,difterite,tetano ecc.) i cui gravi esiti non sono piu' visibili per le strade (per fortuna!). Non sono solo io a sostenere questa tesi ma le mie dichiarazioni sono frutto di ricerche realizzate da accreditati organismi scientifici nazionali ed internazionali A conforto di cio' vi riporto il comunicato stampa della Società Italiana di Pediatria-Federazione Italiana Medici Pediatri- Associazione Culturale Pediatri Presunta correlazione Vaccini-autismo comunicato congiunto SIP-FIMP-ACP Roma, 4 marzo 2015. Finalmente una sentenza fondata sulla scienza: è quanto affermano la Società Italiana di Pediatria (SIP), la Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) e l’Associazione Culturale Pediatri (ACP) in merito alla decisione della Corte di Appello di Bologna che, ribaltando il giudizio di primo grado pronunciato dal... Continua a leggere
Ultima modifica il
Visite: 1418
0
04
Mar

La prima passeggiata

Inviato da il in Benessere
A spasso con mamma e papà Una delle domande frequenti dei genitori è quando si può iniziare  ad uscire con il proprio bimbo… dopo una settimana? Di mattina? dove? in realtà la prima uscita il vostro piccolo l’ha già fatta uscendo dall’ospedale per arrivare casa (magari era anche brutto tempo!) Pertanto il piccolo può tranquillamente affrontare una passeggiata quotidiana nel parco, per far visita alla nonna o per conoscere il suo Pediatra  Tuttavia accade spesso che la mamma non se la senta perché ancora affaticata dal parto. Quindi non appena la mamma è in forze e se la sente può’ uscire con il proprio bambino. La passeggiata per essere salutare non deve essere una costrizione o rispettare degli orari precisi. Molto dipende anche dal clima del periodo e dai vostri impegni. Se il papà è a casa nel week end fate una passeggiata insieme oppure lasciate il piccolo al suo papà... Continua a leggere
Ultima modifica il
Visite: 1550
0
18
Feb

Amici a quattro zampe!

Inviato da il in Esperienze
Come intervenire quando un bambino viene morso da un cane oppure viene graffiato da un gatto!? Gli animali domestici sono una presenza quasi irrinunciabile per noi Italiani. Si calcola che il 42% ne abbia almeno uno all’interno delle proprie mura domestiche. Considerando questi numeri va da sé che possano accadere dei piccoli incidenti con i nostri amici a quattro zampe! I morsi di cane sono i più frequenti. Si dice addirittura che una persona su due, nell’arco della vita, venga morsa da un cane. Le motivazioni sono le più disparate. E’ importante imparare a distinguere l’entità delle ferite. Per praticità le dividiamo in due grandi famiglie: •FERITE CON LACERAZIONI quando il tessuto viene strappato  •FERITE PUNTIFORMI E PROFONDE causate dall’affondo dei canini Se il bambino presenta una ferita con lacerazione la prima cosa da fare è lavare a lungo la ferita con acqua corrente. Questa procedura rappresenta la miglior prevenzione per... Continua a leggere
Ultima modifica il
Visite: 1122
0
16
Dic

Il bagnetto

Inviato da il in Benessere
Care mamme una delle domande più frequenti è come e quando fare il bagnetto Prima di tutto è importante che il cordone ombelicale sia caduto (in genere dopo 8-10 giorni) e che sia ben asciutto… in genere per capirlo si può’ provare con dell’acqua ossigenata messa sull’ombelico; se c’è la schiumetta bianca significa che il cordone ombelicale non si è cicatrizzato perfettamente e che bisogna aspettare un altro po’; via libera invece se questo non si verifica!  L’esperienza consiglia di fare il bagnetto prima del penultimo pasto, verso le ore 20, ma non c’è un momento ideale. In genere il bagnetto ha un effetto rilassante e può aiutare a conciliare il sonno notturno. Inoltre  entrambi i genitori sono a casa. Fare il bagnetto due tre volte a settimana è sufficiente, ma potete farlo anche tutti i giorni. E’ importante prima del bagnetto procurarsi tutto l’occorrente: sapone neutro, meglio se liquido, delicato ed... Continua a leggere
Ultima modifica il
Visite: 1929
02
Dic

Dolce dormire...

Inviato da il in Benessere
Molti bambini dormono più di altri, alcuni dormono tutta la notte, altri invece dormono per poco tempo. il vostro bimbo ha il proprio ritmo sonno-veglia che soprattutto all’inizio non é lo stesso di altri bambini che conoscete. Soprattutto nelle prime settimane i ritmi del sonno sono molto diversi dai vostri ma vanno assecondati. Con il tempo imparerete quando per lui è ora di dormire; è in questi momenti che bisogna approfittare per riposarsi piuttosto che iniziare i lavori di casa…è fondamentale riposarsi non appena possibile! Quando un bimbo dorme non bisogna necessariamente tenere la casa in assoluto silenzio ma abituarlo in modo graduale ai rumori (certo evitate di tenere la tv ad alto volume o di usare l’aspirapolvere…) Ma come fare per abituare il piccolo a dormire durante la notte sin dai primi mesi? Si possono seguire alcuni consigli ed essere fortunati…cercate di interagire poco durante la poppata notturna, parlate a... Continua a leggere
Ultima modifica il
Visite: 2162
29
Nov

La scelta delle scarpe giuste

Inviato da il in Benessere
Care mamme la scarpe per i nostri bimbi sono senza dubbio l'elemento più' importante del loro abbigliamento, dovendoli accompagnare dai primi passi alle corse... Ma quando sono necessarie? Come devono essere scelte? Cerchiamo di chiarire qualche dubbio... I piedi dei bimbi crescono velocemente ed è opportuno non costringerli in calzature strette per fare in modo che le dita possano distendersi e crescere nel modo corretto. Pertanto le scarpe andrebbero calzate solo quando il bimbo è in grado di camminare da solo e fuori casa. USATE CALZE DI COTONE non elasticizzate, mai strette. Tagliate le unghie dei piedi dritte e non arrotondate per evitare che i lati possano incarnirsi e asciugate sempre bene tra le dita dopo aver lavato i piedi. In casa utilizzate d’inverno calzini antiscivolo. Quando acquistate le scarpe, fate in modo che siano circa 1 cm più’ lunghe rispetto al dito più’ lungo e abbastanza larghe da permettere di tenere le... Continua a leggere
Ultima modifica il
Visite: 1724
0
27
Nov

La dentizione

Inviato da il in Benessere
A che età il primo dentino? In genere il primo dentino spunta a 6 mesi (di solito l’incisivo inferiore centrale) e la prima dentizione si completa intorno ai 2 anni, 2 anni e mezzo. Comprende 10 denti inferiori e 10 denti superiori. Tuttavia alcuni bambini possono già nascere con un dente, altri invece non averne nemmeno uno ad 1 anno. Pertanto l’età dell’eruzione dei denti da latte è variabile e non deve creare ansia nei genitori  Vi riporto uno schema in cui viene specificata l’epoca di comparsa di ciascun dente da latte che può’ esservi utile  La seconda dentizione inizia intorno ai sei anni dopo la caduta dei rispettivi denti da latte (in genere i primi sono gli incisivi inferiori). Utile a 6 anni un consulto odontoiatrico. L'uso del ciuccio deve essere abbandonato dopo l'anno di vita per evitare di rinforzare i muscoli delle guance e far inclinare i denti verso l'interno! Nel corso della dentizione... Continua a leggere
Ultima modifica il
Visite: 1749
25
Nov

Consigli pratici per un corretto allattamento al seno

Inviato da il in Allattamento

Care mamme oggi vi spiego tanti buoni motivi per allattare i vostri bambini e soprattutto consigli pratici su come allattare correttamente al seno

Se ci pensate il latte materno permette di nutrire in modo naturale il proprio bambino, senza necessità di comprare poppatoi da riscaldare e sterilizzare, soddisfa velocemente fame e sete del neonato, è sempre pronto alla temperatura giusta, disponibile ovunque, non vi costringe ad alzarvi di notte per la preparazione del biberon, è di facile assorbimento e digeribilità…riduce inoltre il rischio di malattie allergiche, malattie infettive, anemia e il rischio di obesità nell’adulto!

E se questi motivi non vi sembrano sufficienti..c’è ne è anche per voi care mamme! 

Ecco i vostri vantaggi… consente infatti di perdere piu’ velocemente i chili acquisiti in gravidanza (i grassi accumulati vengono utilizzati per produrre il latte), riduce il rischio di sviluppare il cancro della mammella e alle ovaie e l’osteoporosi..Favorisce inoltre il benessere psicologico della mamma in un momento del post parto che spesso può essere difficile.

Anche per le mamme che dovranno riprendere a lavorare l’allattamento al seno permettere di stabilire un intimo rapporto con il proprio bebe’…

Certo soprattutto all’inizio non è un compito facile ma oggi cercherò di chiarire alcuni dubbi ricorrenti…

Il segreto dell’allattamento al seno è la corretta posizione che consente al bambino di succhiare senza ingurgitare aria ed innervosirsi e a voi mamme di produrre molto latte (dalla suzione che parte lo stimolo per la produzione del latte) senza la formazione di dolorose ragadi o dolori alla spalla! Se il vostro bebè è un po' pigro e tende ad addormentassi spesso durante la poppata provate a fare un solletico sotto la pianta del piede o a stimolare delicatamente l'angolo della bocca e vedrete  che come un giochino ricaricabile il vostro bebè riprendera' a succhiare..Nei primi mesi le poppate sono ad intervalli di  2- 3 ore, anche di notte... ma crescendo le poppate si distanziano... se nelle prime fasi il piccolo dorme spesso dopo tre ore cambiategli il pannolino in modo da svegliarlo e farlo mangiare... anche se i lattanti sanno farsi sentire quando è arrivato il momento della poppata!

 

PRIMA DELLA POPPATA

Levatevi bene le mani con acqua e sapone poi solo con acqua lavate i capezzoli che asciugherete delicatamente

La posizione seduta

Sedetevi su una sedia o una poltrona comoda che vi permetta di allungare la schiena mantenendola dritta e di appoggiare bene i piedi a terra. Il braccio che sostiene la testa del bimbo va sempre appoggiato su un bracciolo o su dei cuscini (esistono dei cuscini per allattamento anche se non molto economici..magari potrebbe essere un regalo delle amiche!) Sostenete il piccolo in modo che la testa sia nella piega del vostro gomito e il suo viso di fronte al seno. Il corpo del piccolo deve essere contro il vostro, pancia a pancia, a questo punto avvicinate a voi il bimbo  

Continua a leggere
Ultima modifica il
Visite: 1529
0
24
Nov

Il pronto intervento in spiaggia della dottoressa Francesca Balivo - Detto fatto 10/09/14

Inviato da il in Detto Fatto
Ultima modifica il
Visite: 1142
0
24
Nov

Pericoli del mare e non solo...

Inviato da il in Detto Fatto
Sebbene l’estate sia finita mi fa piacere condividere questo tutorial andato in onda ad inizio settembre nel programma DETTO FATTO che ci mostra come comportarci se il nostro piccolo ha avuto un contatto con una medusa e situazione ben grave se un bimbo sta per annegare, evento che può’ verificarsi purtroppo durante tutto l’anno. Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un aumento del numero di meduse nei nostri mari. Gli studiosi lo attribuiscono all’innalzamento della temperatura dell’acqua oppure all’aumento della concentrazione di sale. Oggi siamo qui per sfatare alcuni falsi miti sulle meduse e soprattutto per spiegare come comportarsi in caso di contatto con esse! La medusa non ha un pungiglione né tantomeno una bocca con cui morderci. In realtà al contatto con i tentacoli emette una sostanza che è urticante per la nostra pelle. La natura le ha fornite di questa sostanza velenosa sia per allontanare gli animali che costituiscono... Continua a leggere
Ultima modifica il
Visite: 1294
20
Nov
Video condiviso da il in Detto Fatto
...
Ultima modifica il Continua a leggere
Visite: 1846
18
Nov

Io e Marco... che ha la bua sul ginocchio!

Inviato da il in Detto Fatto
Ultima modifica il
Visite: 1963
0
18
Nov

Tutorial escoriazioni

Inviato da il in Detto Fatto
Tra poco nuovo puntata di detto fatto RAI 2... ci saro' anche io con tutorial su come medicare le escoriazioni! nel frattempo RIPASSO! ... Continua a leggere
Ultima modifica il
Visite: 2289
0
14
Nov

Come medicare le escoriazioni

Inviato da il in Detto Fatto
Care Mamme sapete tutto ma proprio tutto su come curare la sbucciatura del ginocchio, del gomito ovvero le escoriazioni dei vostri bimbi??? Meglio alcool o acqua ossigenata? Garze o batuffolo di cotone? Bisogna coprire la ferita o lasciarla scoperta?? Va cambiata ogni giorno? Fino a quando medicare? Tutte possono causare il tetano? Se avete delle perplessità vi consiglio di leggere questo breve articolo che ho scritto per aiutarvi a medicare le escoriazioni dei vostri bimbi per farle guarire presto!! Ricordiamoci di spiegare ai nostri bimbi cosa stiamo facendo e se siamo in compagnia magari dal papà distraiamo il piccolo leggendogli una bella fiaba o giocando insieme con i peluches… Prima di medicare lavarsi sempre le mani (veicolo di germi)! Pulire la ferita con acqua corrente meglio se fredda (favorisce l’arresto del sanguinamento) Se la ferita è molto sporca possiamo usare sapone a ph neutro, delicato Possiamo aiutarci con delle garze meglio... Continua a leggere
Ultima modifica il
Visite: 2351
18
Set
Video condiviso da il in Detto Fatto
...
Ultima modifica il Continua a leggere
Visite: 2016
16
Set

Manovre Antisoffocamento Bambino

Inviato da il in Detto Fatto
Vediamo cosa fare se un bimbo di età >1 anno improvvisamente inizia a tossire perché qualcosa è andato “di traverso”…come per il lattante la tosse è il meccanismo di difesa naturale più efficace che nella maggior parte dei casi consente l’espulsione del corpo estraneo…pertanto non bisogna fare nessuna manovra ma è utile avvicinarsi al bambino, posizionarsi di fianco, incoraggiarlo a tossire, tranquillizzarlo, controllarlo continuamente facendogli assumere la posizione che preferisce. OSTRUZIONE PARZIALE Tuttavia è possibile che il piccolo all’improvviso non riesca più a tossire, smette di respirare e diventa scuro in volto ma è ancora sveglio, cosciente… COSA FARE? chiedere aiuto, chiedere di chiamare il 118 ed intervenire immediatamente: Posizioniamoci alle spalle del bambino, passiamo la nostra mano sotto il braccio del bambino prendendolo per la mandibola (mano posizionata a C per mantenere pervie le vie aeree), quindi adagiamo il bimbo posizionando il torace sul nostro ginocchio creando un piano declive... Continua a leggere
Ultima modifica il
Visite: 2947
07
Set
Video condiviso da il in Detto Fatto
...
Ultima modifica il Continua a leggere
Visite: 3907
06
Set

Manovre Antisoffocamento Lattante

Inviato da il in Detto Fatto
Vediamo cosa fare qualora durante la poppata o all’improvviso il nostro bambino porta un oggetto in bocca ed inizia a piangere e tossire.. Sicuramente è necessario tranquillizzarlo e incoraggiarlo a tossire…la tosse infatti è il meccanismo di difesa naturale più efficace per la disostruzione del corpo estraneo… EVITIAMO MANOVRE SBAGLIATE quali metterlo a testa in giù, scuoterlo o farlo bere perché sono manovre che possono inibire la tosse e peggiorare la situazione… E’ possibile tuttavia che all’improvviso il piccolo smetta di TOSSIRE, DI PIANGERE, DI EMETTERE SUONI…è questo il momento di intervenire… Chiediamo aiuto e agiamo immediatamente Afferriamo il piccolo per la mandibola con una mano formando una C, facendo attenzione a non comprimere il collo posizioniamo quindi il lattante in posizione prona (pancia in giù) sul nostro avambraccio con la testa rivolta verso il basso e in posizione neutra per sfruttare la gravità facciamo passare le gambe a cavallo del nostro... Continua a leggere
Ultima modifica il
Visite: 5256
02
Set

Detto Fatto

Inviato da il in Detto Fatto
Carissimi Amici, tra pochi giorni riprenderà DETTO FATTO, il programma tv condotto da mia sorella Caterina in onda su Rai2! Da quest’anno alcune novità tra cui nuovi tutorial dedicati ai più piccini... Anche a me è stata data l’opportunità, in qualità di medico pediatra, di dare un contributo… In particolare nelle prime puntate illustrerò le manovre antisoffocamento sia per lattanti (0-1anno) sia per i bambini più grandi… si tratta di semplici sequenze che applicate tempestivamente possono salvare la vita ad un bimbo… E’ noto infatti che ogni anno circa 50 bambini perdono la vita per l’inalazione di un corpo estraneo…si tratta soprattutto di bimbi piccoli con età inferiore ai 2 anni… E’ doveroso per TUTTI, quindi, conoscere e ricordare cosa fare per essere pronti in qualsiasi momento a prestare soccorso… A presto!... Continua a leggere
Ultima modifica il
Visite: 3208
08
Lug

Nati per leggere

Inviato da il in Benessere
Lettura ad alta voce tra le braccia di mamma e papà già dai primi sei mesi di vita… E' documentato da molti studi che la lettura ad alta voce, già a partire dai sei mesi, migliora lo sviluppo intellettivo dei nostri bimbi e favorisce il successo scolastico, potenziando le proprie capacità relazionali. I bimbi già a partire dai sei-otto mesi sono in grado di ascoltare (pur se per un tempo assai limitato) e sono ricettivi; a pochi mesi  riconoscono la voce materna e percepiscono il tono, le pause, il ritmo delle parole. A raccomandare questa pratica è Nati per Leggere http://www.natiperleggere.it - una rete di pediatri e bibliotecari (Associazione Culturale Pediatri, Associazione Italiana Biblioteche e Centro per la Salute del Bambino) - che promuove la lettura ad alta voce in età prescolare (tra i sei mesi e i sei anni). Perché fa bene leggere ad alta voce fin da piccoli: - favorisce l'acquisizione del... Continua a leggere
Ultima modifica il
Visite: 3242
top

Articoli Più Letti

Manovre Antisoffocamento Lattante
Vediamo cosa fare qualora durante la poppata o all’improvviso il nostro bambino porta un oggetto in ...
Nati per leggere
Lettura ad alta voce tra le braccia di mamma e papà già dai primi sei mesi di vita… E' documentato ...

Richiedi un Appuntamento

  1. Nome e Cognome(*)
    Inserisci il tuo Nome e Cognome
  2. E-Mail(*)
    Inserire un indirizzo E-mail valido.
  3. Telefono(*)
  4. Note
  5. (*) Campi Richiesti